Questo sito utilizza cookie anche di terze parti, per migliorare l'esperienza utente, motivi statistici e pubblicità. Chiudendo questo banner, cliccando al di fuori di esso o navigando su questo sito acconsenti all'uso dei cookie.

Giovani e potere. Il valore sociale della politica

L’esperienza francese degli ultimi mesi ha scosso gli animi della borghesia europea. E ha messo in discussione un concetto di democrazia che si riteneva consolidato all’interno di un modello fondato sulle opportunità di accesso ai consumi. Un modello che si è dimenticato che per poter consumare c’è bisogno di reddito. Di quella parte di ricchezza necessaria che permette al cittadino di accedere a beni e servizi di cui è destinatario. Non solo. La realtà francese ha messo in crisi un modello di democrazia che si celebra da sé, che valuta la sua azione politica nel Paese attraverso una percezione indiretta, spesso prodotto dagli animi dei leader politici e non dai sentimenti popolari. Quei sentimenti sui quali si dovrebbe costruire il rapporto di fiducia fra cittadini e classe politica.

Così, la possibilità di una dilatazione dei tempi di ingresso nel mercato del lavoro per i giovani, il senso di incertezza che demotiva proprio i più deboli perché alla ricerca di un significato da attribuire alla propria esistenza, sono le ragioni evidenti del distacco generazionale che in Francia, come in Italia, si è osservato. Un distacco dovuto all’incapacità di guardare alle masse degli studenti e delle giovani risorse umane come al futuro di una comunità, e non come un peso da trascinarsi mantenendo ferme le possibilità di potere appannaggio di classi politiche non rinnovate e non rinnovabili. Leadership, queste ultime, che sopravvivono al cambiamento adattandosi per non uscire di scena. In tutto questo il contratto di lavoro provvisorio rappresenta un ulteriore incubo da futuro.

È la paura dei giovani di non riuscire a trovare un’identità propria nella comunità, dovendo trasmigrare capacità e abilità senza ottimizzare le proprie attitudini a vantaggio del modello produttivo che si vuole difendere senza renderlo originale. Un modello produttivo che nella flessibilità delle risorse più giovani cerca di contenere deficit da competitività nel breve periodo. Un modello che non riesce, però, a strutturarsi per diventare competitivo nel medio/lungo termine ed assicurare livelli di occupazione tali da assorbire risorse che si disperdono soprattutto qualitativamente. Un sistema di governo sociale, prim’ancora che economico, che non riesce a realizzare un sistema democratico condiviso, che non regola se stesso sulle domande di parti della comunità perché ritenute aggregate, erroneamente assimilate nel modello di organizzazione sociale offerto.

Di fronte ad un confronto così chiaro, ad una evidente crisi dei modelli politici neoliberisti occidentali, le ragioni sociali del lavoro, l’utilità del capitale e del reddito quali fattori di crescita e non di competizione individualista o di mortificazione collettivista, tornano a galla. Tornano quasi a rimodellare i modelli economici occidentali sempre più finanziari e poco produttivi. Se non si comprende questo il quadro rischia di rimanere confuso. Una confusione dove l’incomprensione sulle reazioni delle giovani generazioni determina un confine sempre più sottile tra il senso comune del rispetto della legalità e la reazione ad una legalità non interiorizzata. Una legalità che non viene percepita quale espressione di una pari onestà intellettuale rivolta a promuovere opportunità concrete di crescita per i giovani e non provvisorie verità di mercato.

La provvisorietà determina insicurezza, poca certezza, paura del futuro, favorisce la disoccupazione ideologica e culturale. Così se le cause possono essere facilmente attribuite ad un ritardo nell’evoluzione democratica, ad un mancato intervento sul piano economico e sociale rivolto a tutelare le minoranze più deboli di fronte all’internazionalizzazione dei mercati che tende ad escludere i meno capaci, allora il rischio che il confronto si giochi sulle periferie europee è alle porte. Un momento di particolare vulnerabilità delle classi politiche di ieri che tentano di rimodellare il contributo dei giovani alla crescita ma che, in realtà, li relegano ad un ruolo di secondo piano esclusi come sono ancora, per età e per cultura, dal partecipare alla vita economica e sociale del Paese reale, quello che conta.

Il risultato di tutto ciò è un disincanto diffuso ed una reazione pronta a sconvolgere l’ordinato andamento di una vita sociale ed economica per pochi. Un modo estremo per appropriarsi del proprio futuro laddove la dignità di essere giovani è o lo strumento per occasioni di lotta politica o il veicolo di promozione di attività economiche realizzate per vantaggi di alcuni, ma non per la crescita sociale di tutti.


È consentito il download degli articoli e contenuti del sito a condizione che ne sia indicata la fonte e data comunicazione all’autore.
Gli articoli relativi a contributi pubblicati su riviste si intendono riprodotti dopo quindici giorni dall’uscita.