Questo sito utilizza cookie anche di terze parti, per migliorare l'esperienza utente, motivi statistici e pubblicità. Chiudendo questo banner, cliccando al di fuori di esso o navigando su questo sito acconsenti all'uso dei cookie.

Manchester: aggredire il quotidiano

In Occidente ogni tanto ci ricordiamo dell’importanza del tempo e, con esso, della vita che è scandita da momenti, da ore, giorni mesi o anni o…attimi. E ce ne ricordiamo soprattutto quando il nostro quotidiano ci sfugge di mano. Seneca nelle sue Epistole a Lucilio riteneva che il miglior augurio che potesse fargli era quello di essere padrone del suo tempo. Una manifestazione di affetto che viene considerata ancora oggi come il miglior auspicio che possa essere indirizzato verso un amico, una persona di cui si ha stima e alla quale si vuole augurare il meglio della vita. Quel meglio che è, sempre, parte del nostro tempo, di come lo viviamo, di cosa chiediamo, di cosa ci aspettiamo.
Nella vicenda di Manchester non vi era nessun augurio di questo tipo, ma solo una certezza che in molti sembra essere sfuggita in tutti questi anni, in tutti questi mesi e che nulla ha a che fare con le recriminazioni di oggi su chi doveva sapere, o su cosa si doveva o poteva fare per evitare la strage: la sicurezza del nostro quotidiano. A Manchester, ma sarebbe potuto accadere dovunque in Europa, ciò che è venuta meno è la capacità di comprendere ed interpretare l’importanza attribuita al tempo, ai modi e alle condizioni di un attacco alla vita che ha un obiettivo ben preciso da anni: colpire il nostro tempo, il nostro modo di vivere da padroni i nostri momenti senza che ci vengano sottratti con la violenza di chi sa che vivere il proprio tempo con sicurezza e con pienezza di volontà è la maggiore espressione di una conquista che supera ogni augurio di ricchezza.

L’attentato di Manchester rappresenta, quindi, null’altro che una volontà ben precisa di sottrarci il nostro quotidiano. Attaccare un simbolo, per quanto possa essere significativo o rappresentativo, nella personalità di un politico o nella espressione di un luogo, sia esso di culto o comunque manifestazione di un significato preciso, non pagherebbe tanto quanto paga in termini di paura e di allarme attaccare il quotidiano di ognuno di noi. Se nel primo caso - quello dei simboli rappresentativi di un potere o di una cultura - l’orrore si dissolve nel limite della fisicità dell’obiettivo e viene a metabolizzarsi nello sconforto indiretto, l’attacco ad un concerto, in un ristorante o ad un mercato diventa invece l’aggressione alla nostra normalità di cui la quotidianità, e la sicurezza di vivere le nostre routine, sono la manifestazione più diretta e condivisa di come vorremmo essere padroni del nostro tempo. Non aver compreso questo significa non aver, ancora una volta, capito che la profondità di un atto scellerato come quello posto in essere nei giorni scorsi tende proprio a diffondere un alone di sofferenza che entra nella case di ogni comunità occidentale che vive dei suoi ritmi, delle sue sicurezze.

Mira a distribuire un senso nichilista del rifiuto della nostra vita all’interno di ogni famiglia europea, così come già sperimentato con tragicità in altre terre da noi ritenute lontane ma, oggi, sempre più vicine. L’attentato di Manchester tende ad impedirci di essere padroni del nostro tempo nel tentativo di trasformare ogni giorno in un azzardo. Era questa la strategia del terrorismo jihadista cosiddetto 2.0. Lo è ancora, purtroppo, perché può disporre da anni di una capacità di distribuzione delle cellule terroristiche nelle nostre società che man mano si sono sedimentate nei quartieri europei ricercando quelle marginalità delle comunità già migrate ritenute strategicamente funzionali al disegno di aggressione. Comunità che si trasformano in opportunità logistiche se non, a necessità, in risorse operative allorquando il senso di identità diventa un moltiplicatore di violenza sul quale chi gestisce le fila del terrore può contare per giocare su una scacchiera ormai sin troppo diffusa senza impegnarsi direttamente. Chiedersi cosa non ha funzionato non serve a nulla.

Probabilmente dovremmo chiederci cosa non abbiamo capito, in questi ultimi anni, delle dinamiche mediorientali dopo averle assecondate se non manipolate. Cosa non abbiamo compreso su come l’aggressione terroristica si sarebbe trasformata abbandonando ogni velleità gerarchico-organizzativa per affermare un senso di capacità di attacco dove ogni singolo individuo diventa destinatario di un franchising. Un operatore del terrore che offre morte per un brand che ad azione terminata non manca di assumersene la paternità. Oggi, di fronte alle troppe comode miopie che celano un artefatto sentimento di sorpresa, ciò che all’Occidente rimane, al di là delle mobilitazioni di piazza e delle marce e corse esorcizzanti, è forse la capacità e la forza di riappropriarsi del suo tempo. Di esserne padrone e, con il suo tempo, di garantire ai giovani quel quotidiano fatto di serenità e di gioia che nessuna ragione o valore spacciato per universale può, attraverso un ammasso di corpi e di sangue senza anima ne vita, giustificare l’uccisione del tempo. Quel tempo che era vita per tutti, per colui che lo ha negato a se stesso e per coloro a cui lo ha negato per sempre.


È consentito il download degli articoli e contenuti del sito a condizione che ne sia indicata la fonte e data comunicazione all’autore.
Gli articoli relativi a contributi pubblicati su riviste si intendono riprodotti dopo quindici giorni dall’uscita.