Questo sito utilizza cookie anche di terze parti, per migliorare l'esperienza utente, motivi statistici e pubblicità. Chiudendo questo banner, cliccando al di fuori di esso o navigando su questo sito acconsenti all'uso dei cookie.

Il nostro Medio Oriente quotidiano

Iraq parlamento gennaio 2005La formula della legittimazione della forza ritorna attraverso le Nazioni Unite a far capolino. Aver verificato che l’avventura irachena non è una semplice conquista di un territorio, ma diventa una lotta per la conquista degli animi e l’affermazione di un successo politico, ha costretto la coalizione a ricercare l’avallo delle Nazioni Unite. Ma è nella stessa richiesta - nell’essere ritenuto urgente, essenziale, necessario adesso il coinvolgimento auspicato dell’Onu nel processo di stabilizzazione, che dovrebbe seguire alla transizione probabile della sovranità verso un governo iracheno - che sono evidenti i limiti di azione dell’amministrazione americana per una risoluzione “poco risolutiva”.

Certamente l’insuccesso somalo rappresenta un fantasma nell’immaginario statunitense e nell’impiego delle forze, e da allora la fiducia nella capacità del Palazzo di Vetro non è certamente aumentata. Ma la campagna militare non sembra aver dato frutti migliori anche se condotta direttamente dagli Stati Uniti. La realtà, che nessuno vuol vedere, per ragioni politiche immediate o per imbarazzo, è che non vi sono vie di uscita favorevoli a giustificare con un minimo risultato apprezzabile il costo di vite umane che la coalizione ha dovuto subire. Non aver raggiunto, ancora, il migliaio di perdite non è un risultato positivo e nelle dinamiche delle guerre moderne, combattute con un alto apporto tecnologico, la perdita di un singolo combattente ha un peso determinante, significativo, a cui le logiche dei grandi numeri non possono più rispondere, anzi. La corsa verso la transizione, quindi, non può essere altro che una fuga dalle responsabilità politiche che, concluso lo sforzo militare, incombono sul vincitore alla fine di un conflitto.

Il vuoto di potere che si osserva è l’esempio più significativo dell’impossibilità e dell’incompatibilità del ruolo militare sulla politica delle istituzioni. Per questo, anche se il comando militare resterà agli Stati Uniti non vi saranno mutamenti sostanziali nell’economia del post-conflitto. La stabilizzazione del caos sembra essere l’ipotesi più accreditabile di fronte alla realizzazione improvvisata di un potere immediato. Così, l’assenza di un piano preventivo che prevedesse un’alternativa politica prima dell’avvio dell’operazione rischia di perpetuarne gli effetti, soprattutto dal momento in cui ogni autorità autoctona, che sarà prescelta al più presto, sarà sempre ricattabile dagli esclusi per difetto di lealismo verso il governo e per essere prossima a interessi altrui.

Ora, se le Nazioni Unite non hanno dato sempre grande prova di decisionismo e di capacità di impiego di forze militari, è altrettanto vero che non si può chiederne l’intervento politico senza trasferirne anche il comando delle forze sul campo. Sarebbe come chiedere aiuto a terzi escludendo gli stessi dal controllo o, quanto meno, dalla partecipazione alle decisioni militari chiedendogli di attribuirsi la responsabilità delle scelte politiche. Di fronte a tutto questo, insomma, ci sembra che l’Iraq, e la comunità internazionale soprattutto, hanno oggi necessità di verificare l’esistenza e la possibilità che si affermi un minimo di legittimazione nell’uso della forza per garantire il diritto alla sicurezza. E ciò, che piaccia o meno, non può essere lasciato a scelte fatte a metà che non sortiranno effetti. Così, non è la svolta che sarà determinate, virtuale o meno che sia.

La realtà è che l’assenza di Istituzioni realizzate dalla volontà popolare rischia di allargare l’ingovernabilità trascinando nella violenza politica i governi di turno vittime, loro malgrado, di una provvisorietà reiterata. risultato della superficialità strategica prima e politica dopo, già dimostrata nella condotta delle operazioni. Ma il risultato più immediato che potremmo osservare sarà, drammaticamente, di abituarci anche a questa crisi così come alla crisi in Indocina di qualche decennio fa. Un Medio Oriente quotidiano, sempre più vicino ai nostri occhi mediatici e mediati, ai nostri interessi anche, e sempre più presente nei nostri telegiornali o talk show. Argomento da magazine insomma per tanti esperti ma per pochi saggi.


È consentito il download degli articoli e contenuti del sito a condizione che ne sia indicata la fonte e data comunicazione all’autore.
Gli articoli relativi a contributi pubblicati su riviste si intendono riprodotti dopo quindici giorni dall’uscita.