Questo sito utilizza cookie anche di terze parti, per migliorare l'esperienza utente, motivi statistici e pubblicità. Chiudendo questo banner, cliccando al di fuori di esso o navigando su questo sito acconsenti all'uso dei cookie.

Regate elettorali

Le regate veliche sono una competizione molto particolare, difficile per i profani ma non poi così lontane dalla vita di ogni giorno come strategia di condotta, alternando la navigazione in una serie di virate dove velocità e capacità di sfruttare il vento a favore permettono di conquistare tempi essenziali per arrivare al traguardo. In un certo senso ciò che si osserva in questi ultimi giorni è  una formula simile di virate pronte a  dirigere la vela Italia verso un ennesimo traguardo politico sfruttando emozioni e incertezze dell’elettorato. Tuttavia, in questa gara non vi sono stati timonieri capaci di chiudere il confronto con determinazione.

Pareggi o vittorie televisive vengono così definite secondo un parametro molto singolare di percezione della capacità dell’uno o dell’altro di promuovere la propria immagine o un proprio programma che, in verità, non presenta nulla di nuovo se non credere che possa aprirsi una stagione di saldi fiscali o un periodo di severità votato a favorire la crescita economica di un Paese. Un Paese, l’Italia, che resta ingessato in un’economia senza progetto vittima a sua volta di una riconfigurazione finanziaria del sistema a scapito della produttività. In questo ultimo giro di boa per alcuni analisti la parità nella corsa sembra essere il risultato più evidente prima del rush finale. In effetti vi è una parità nella condotta della gara. E, cioè, un pari risultato nel non aver affrontato in maniera programmatica e di progetto i temi sui quali si giocherà il futuro del paese, il superamento delle incertezze dei giovani, il ruolo internazionale politico ed economico -che un Paese atlantico per necessità, europeo per scelta e mediterraneo per vincolo geografico dovrà assumere- la difesa di una laicità necessaria per garantire la libertà religiosa e il cattolicesimo da ogni pretesa confessionale.

In tutto questo, la superficialità nel proporre dimostra quanto la cultura politica sia ancora ferma su una parziale volontà di assumersi chiaramente la responsabilità di affrontare i grandi temi cercando di guidare gli animi dell’elettorato su argomenti semplici e dotati di immediata percezione, evitando di proporli come aspetti, conseguenze, di azioni politiche di sistema. Azioni ed obiettivi politici che impegneranno tutta l’architettura politica del Paese in un momento interlocutorio per l’Italia che richiede chiarezza di scenari, determinazione nel ruolo, capacità di crescita, sicurezza energetica, tutela economica dei capitali italiani e del loro impiego sui mercati.

Una regata difficile. Ancor più difficile in un ultimo giro di boa che entrambi gli schieramenti vogliono superare in testa, ma oltre il quale sanno bene che per l’Italia non  potranno esserci che alcuni sconti ma non saldi a favore di un Paese che paga il prezzo di una  cultura politica e di nazione non ancora consolidata e matura come spirito di governo e identità di popolo.


È consentito il download degli articoli e contenuti del sito a condizione che ne sia indicata la fonte e data comunicazione all’autore.
Gli articoli relativi a contributi pubblicati su riviste si intendono riprodotti dopo quindici giorni dall’uscita.