Questo sito utilizza cookie anche di terze parti, per migliorare l'esperienza utente, motivi statistici e pubblicità. Chiudendo questo banner, cliccando al di fuori di esso o navigando su questo sito acconsenti all'uso dei cookie.

Politica e caos. Leadership contro leadership

Siamo tutti molto occupati in questi giorni ad osservare la nostra politica orientata verso una dimensione esterna, ambiziosamente internazionalista, occupata nelle scelte e nelle (poche) azioni concrete verso la crisi mediorientale. Molto ben occupata a disperdere energie e parole in analisi di parte e atteggiamenti di circostanza nei quali, pur distinguendo tra chi giustifica o meno i due attori, riesce almeno a ricordare che i veri sconfitti di ogni guerra sono le vittime. Tuttavia, senza nulla togliere alla gravità della crisi di Gaza, credere che il Paese possa ogni volta essere guidato da priorità emergenti può essere anche ragionevole, soprattutto dal momento che la politica in Europa si gioca sempre di più sull’emergenza. Tuttavia ciò non è salutare. Infatti, molto spesso accade che programmazione, obiettivi di medio termine e aspettative legate ad una crescita possibile si arenino man mano che l’interesse del leader del momento sfuma, oppure si riduce ad una possibilità per tempi migliori.

In questa prospettiva, inoltre, si aggiunge anche una questione erroneamente chiamata “morale”, ma più propriamente definibile come “etica” di una politica che stalla se si devono difendere interessi di parte. Una politica ostaggio consapevole di prospettive limitate alle sole aspettative di potere, amministrativo ed economico che hanno trasformato gli stessi partiti in società di fatto che perseguono obiettivi propri, soddisfano una ragione sociale, che alimentano ciò che resta della facciata ideale nella promessa di riforme possibili o di governance locali allargate, spesso finalizzate all’incontro di altre utilità.

Potremmo dire, per restare coerenti con l’incipit, che anche in questa confusa scenografia a più attori, tra un avviso di garanzia e un litigio televisivo, tregue giudiziarie o meno, non vi sono né vinti né vincitori. Tuttavia c’è un solo sconfitto, la sola vittima: il cittadino. Ma, anche se ciò è vero nell’evidenza, non si tratta, però, di essere pessimisti. Probabilmente il cambiamento potrebbe anche avvenire. Insomma, le tanto agognate riforme, ad esempio, si potrebbero fare. Ma il problema è come verranno fatte, in quali tempi e attraverso quali dibattiti e tra chi dal momento che l’attenzione delle leadership è così occupata, moralmente, da ciò che accade nel resto del mondo e nel resto…, o di ciò che resta, della politica del Paese reale.

Dalla politica estera in Medio Oriente, come se l’Italia fosse mai stata così determinante per la soluzione di crisi internazionali conflitto durante, e non dopo comode tregue unilaterali, al fronte interno che incombe. Un fronte, quello nazionale, dove si consuma una confusa, celata, corsa alla leadership prossima del centrodestra, dove ogni principe affina gli argomenti per competere con il leader massimo. Un fronte interno dove si risolve drammaticamente, in un’erosione progressiva, l’avventura di un Partito Democratico ostaggio delle lotte per la conquista di un partito che c’è sempre meno. Un fronte interno nel quale le possibili riforme sembrano assumere sempre di più le fattezze di slogan del momento, di nebulose volontà riformatrici nelle quali ognuno tenta di modularne l’esito secondo proprie prospettive, certo non ispirate alla sola ragion di Stato. Un fronte interno nel quale si osserva un’assente ruolo dell’opposizione e, quindi, una quasi nulla dialettica politica necessaria per affinare il processo di sintesi del quale ogni riforma o legge dovrebbe essere il risultato. Una situazione interna nella quale la confusione tra leadership regna sovrana e al di là di ogni sovrano.

La verità è che ogni processo utile a dare vita ad un panorama nuovo di una politica riformata si è fermato ancora una volta. Ferma la cultura politica di un’intellettualità di sinistra che si è dispersa al soffio delle varie correnti, ma difficile anche la realizzazione di una cultura unica e identitaria per la destra. Fermo il processo dialettico tra maggioranza e opposizione, se non apprezzato nei talk show o in qualche salotto televisivo. Ferma la possibilità di dar vita al confronto politico camerale. Per questo, al di là delle crisi in Medio Oriente, della paura del ricatto energetico russo, al di là dello spettro recessivo derivato, in tutti i sensi, da una crisi economica per difetto di regulation, che spostano la nostra attenzione di opinione pubblica, ciò che è in gioco allora non è solo un sistema di valori, da ricercare tra le nebbie delle segreterie politiche. Bensì sono in gioco una serie di leadership, presenti o latenti, che si sovrappongono tra di loro in una lotta ad affermare il senso di personalità che le caratterizza, e non la necessità di un impegno per tutti.

Una lotta tra leader che osserviamo ogni giorno e che, in realtà, ha poco di dialettico, ma molto di potere. Una corsa alla leadership che svuota la sinistra e il partito democratico di contenuti e di significato. Una corsa a riprendere spazio per gli alleati che consiglia al leader di governo di assumersi la guida in prima persona di ogni processo di riforma possibile convinto che, a parità di sentimenti e di lealtà e riconoscenza futuri, lo spettro della frammentazione che lacera l’avversario incombe anche sulla corte di oggi del futuro centrodestra.


È consentito il download degli articoli e contenuti del sito a condizione che ne sia indicata la fonte e data comunicazione all’autore.
Gli articoli relativi a contributi pubblicati su riviste si intendono riprodotti dopo quindici giorni dall’uscita.