Questo sito utilizza cookie anche di terze parti, per migliorare l'esperienza utente, motivi statistici e pubblicità. Chiudendo questo banner, cliccando al di fuori di esso o navigando su questo sito acconsenti all'uso dei cookie.

Category: Pubblicazioni
Editor: Rubettino Editore
Pages: 340
Year: 2002

Review

Il Diritto dell’Unione Europea, in una riformulazione della materia dopo il Trattato di Amsterdam del 1997, rappresenta un’architettura nuova nella disciplina giuridica internazionale riportando al centro della discussione, e della produzione normativa, la volontà di ammettere riserve di sovranità in funzione di più alti obiettivi. Obiettivi, che gli Stati che hanno dato vita alle Comunità europee di ieri, oggi sono consapevoli di raggiungere soltanto attraverso una condivisione giuridica degli sforzi, dotandosi, per questo, di un ordinamento originario, che sia al di sopra degli stessi ordinamenti giuridici nazionali.
Posto a metà tra la disciplina di una comunità politica ed una comunità giuridica, il Diritto dell’Unione Europea rappresenta un diritto nuovo ed originale, un insieme di norme tali da raccordare principi fondamentali di rilievo costituzionale e norme di grado inferiore rivolte a disciplinare e garantire uniformemente diritti o prevedere obblighi non solo agli Stati membri ma anche alle persone fisiche e giuridiche.
Interazione, integrazione, necessità di regolamentare in termini comuni materie di sensibilità diffusa all’interno di principi condivisi dagli ordinamenti giuridici nazionali, rendono il Diritto dell’Unione Europea, e l’ordinamento giuridico che ne deriva, l’esempio più interessante nel disciplinare esigenze sopranazionali nel rispetto delle singole identità nazionali e degli Stati che partecipano all’Unione.


È consentito il download degli articoli e contenuti del sito a condizione che ne sia indicata la fonte e data comunicazione all’autore.
Gli articoli relativi a contributi pubblicati su riviste si intendono riprodotti dopo quindici giorni dall’uscita.