"…La democrazia non è solamente la possibilità ed il diritto di esprimere la propria opinione, ma è anche la garanzia che tale opinione venga presa in considerazione da parte del potere, la possibilità per ciascuno di avere una parte reale nelle decisioni…”
Alexander Dubcek

Anime in rete. Riflessioni poco economiche sull’uomo nuovo

anime in rete

  1. Anime senza anima
    In questi ultimi anni siamo passati quasi rapidamente attraverso due rivoluzioni fondamentali. La prima quella che McLuhan definì fondamentale nella svolta delle relazioni personali che nell’accesso alla conoscenza quella della stampa e dei caratteri mobili. Definì, infatti, senza indugio che sua […] “…definizione dei media è molto estesa; include ogni tecnologia che crea estensioni del corpo e dei sensi umani, dai vestiti al computer…” […].
Una sorta di manifesto sul ruolo che l’approccio alla tecnologia dell’informazione, al suo accesso e alla sua produzione, avrebbe avuto molto presto nel creare, spiegare e governare le dinamiche sociali, politiche ed economiche del nostro tempo e del tempo a venire. Ma non solo. Ad esso si aggiunse qualche anno fa con il suo Internet Galaxy, Manuel Castells, per il quale la rivoluzione digitale non solo avrebbe spostato in avanti l’intuizione di McLuhan, ma ne avrebbe ridefinito le modalità di accesso e la velocità di elaborazione non solo delle informazioni ma anche delle produzioni in ogni campo della vita dell’uomo del nuovo secolo. In questo modo oggi siamo, infatti, tutti protagonisti, ormai, di un circo mediatico digitalizzato dove la nostra capacità di interazione e di elaborazione delle informazioni rappresenta una necessità di partecipazione ma, anche, un’opportunità se non proprio una strategia di creazione delle opinioni per un pensiero definito e formale a cui le regole del potere guardano con quotidiana attenzione.
L’effetto che spesso viene constatato guardando ciò che avviene nella produzione di pensiero e di pensieri nella rete è il credere che in essa si consumi una sorta di libera partecipazione volontaria ad associazioni e gruppi con il risultato di implementare la stima di sé, la fiducia, ma anche la sana competizione al punto da rendere una meritevole spirale tra potenziamento personale e creazione di una comunità o rete di sistemi. Tuttavia, l’applicazione di un tale sistema favorisce e necessiterebbe di un cambiamento soprattutto culturale.


  1. Una questione di cultura non solo economica
    Una volta di più è chiaro, soprattutto oggi e nella consapevolezza di come la creazione del consenso sia fondamentale per legittimare scelte politiche ed economiche effettuate sulle nostre vite, quanto il progresso sociale e comunitario dipenda dalla crescita individuale: senza un nucleo stabile la società è destinata ad affrontare contrasti della più varia natura. La crescita dell’individuo permette parallelamente di emanciparsi da vecchi schemi obsoleti e istituzionalizzati a vantaggio di ciò che si definisce terzo settore. È questo che fa la differenza tra economia di mercato e società di mercato: inevitabile la prima, inaccettabile la seconda. Eppure ciò che si chiede alla digitalizzazione del nostro avvenire è ampliare l’offerta di servizi sociali perseguendo insieme solidarietà e libertà, efficienza e orientamento all’utente/cliente. Il terzo settore, infatti, risponde ai bisogni e necessità che né lo Stato, né il mercato possono soddisfare in alternativa ovviamente ai processi di burocratizzazione invasiva o di abbandono per i più deboli. Il servizio risulta importante in quanto misura la sua produttività sulla reale possibilità e capacità di favorire altre relazioni e altri agenti-attori autonomi. Ma la new economy della Grande Rete quanto è sociale oltre che democratica? Secondo alcuni imprenditori della comunicazione e dell’economia digitalizzata, lo spostamento sulle piattaforme online dei processi di mercato permetterebbe di capitalizzare più delle tradizionali attività di produzione industriale anche perché, ciò permetterebbe di impegnare una pluralità di persone e di competenze senza contributi statali. In questo caso, in un modello di risparmi e di allargamento della base degli occupati, la rete si presenterebbe come una sorta di panacea. Per molti, insomma, la nuova ricchezza non ha nulla a che fare con il petrolio, gli immobili, l’eredità della old economy. Eppure alcune riserve restano se non ancorate ad uno spirito conservatore dettato da una volontà di resistenza al cambiamento, quanto meno giustificate dai risultati delle diverse bolle speculative e delle crisi finanziarie degli ultimi anni: la nuova ricchezza sapiente nel network è un bluff? Secondo i sostenitori della rete come virtuoso circo delle volontà e delle opportunità essa è realissima e poggia sul considerare la rete “democratica” dal momento che, potenzialmente, cancella le differenze tra tutti i Nord e tutti i Sud. E, non avendo un centro egemone, essa può essere, ad esempio, anche sociale e cristiana insieme, perché risponde in tempo reale ai bisogni diffusi. Ma è vero anche il contrario. La Grande Rete, infatti, è diventata un monoscopio. La realtà, come pura comunicabilità, ha trasformato l’essere in uno strumento oltre che destinatario di un circuito virtuale e mediatico, in cui le cose esistono solo nell’atto della loro trasmissibilità e mai in sé. Nell’era di Internet e dello smartphone la rapidità della circolazione dell’informazione alla fine ha schiacciato la distanza, la durata e la distinzione. Insomma, ha sottratto spazio a tutto ciò che ha costituito il senso del reale nella percezione comune della coscienza dell’homo sapiens-sapiens.<


  1. La rete e il desidero
     Finanziario o monetario, più che industriale, tanto pervasivo da far parlare più che legittimamente di pensiero unico, il web si presenta come lo spazio metafisico digitalizzato delle nostre angosce e paure quanto delle nostre certezze e incertezze. È il luogo di confronto, ma anche di ridefinizione di noi stessi nel momento in cui si serviamo delle possibilità digitali per ancorare noi stessi ad un reale autocostruito in termini di valori mentre l’impresa che vuole avere successo deve imparare a cannibalizzarsi per salvarsi, deve auto-digerirsi continuamente per non essere distrutta da altri competitori. La domanda che rimane aperta allora è una: quale potrebbe essere l’oggetto del desiderio che si nasconde nella digitalizzazione della vita quotidiana? È un’approssimazione all’indistinto che il mercato auto-genera con una tecnica che tautologicamente si richiama a se stessa: il marketing, ovvero ricercare la media statistica delle opinioni e dei desideri di coloro che rappresentano la pancia della curva statistica. Una tensione al numero senza colore, per cui contano soprattutto le opinioni di coloro che ne hanno poche o nessuna, perché chi ha già un’opinione è fuori dalla statistica dei potenziali consumatori. Che si tratti di merce misurabile o immaterializzata in sentimenti ed emozioni provocati a cui corrispondono prodotti politici oltre che economici in termini di scelte, fa si che sia proprio la virtualità della merce fantasmatica a riflettersi e rispecchiarsi nella circolarità del messaggio pubblicitario o politico, in cui solo chi vende comunica ma solo chi comunica può vendere. Fuori da questa spirale vi rimane solo il nulla, in cui è esclusa la maggioranza numerica dell’umanità. Tutto ciò si riproduce non solo nell’economia, ma nei comportamenti delle passioni individuali e collettive, base di squilibri e tensioni rispetto a cui c’è persino una carenza di teorie e di interpretazioni.
È vero, c’è stato tempo in cui si pensava che dallo sviluppo lineare della scienza e della tecnologia sarebbe venuta una risposta definitiva a tutti i problemi dell’uomo e si sarebbe posto fine per sempre all’era del bisogno. Ma la forsennata velocità della competizione ha prodotto aporie di ogni tipo: la medicina e la prevenzione allungano la vita, ma fabbricano anziani destinati a costare senza uso positivo e costruttivo. Per l’anziano, espulso dal flusso delle generazioni, restano i ghetti assistenziali. Fuori dalla furibonda lotta agonistica. Nella fuga dal senso tutto si consuma rapidissimo. Mai come oggi trionfa il motto “il fine giustifica i mezzi”.


  1. Il consumatore digitalizzato
     Il consumatore diventa unica voce e unico soggetto attivo della nuova democrazia. Unico anello davvero centrale del sistema. Il consumatore passivo, diviso, isolato, frammentato, è bombardato da messaggi che non si discutono, anche perché fino ad ora assai poco interattivi. Il consumatore è lacerato da una contraddizione: il mercato ha sempre più bisogno di nuovi consumatori anche se si nutre di tecnologie con sempre meno produttori. Anche Internet è stato colonizzato da motori di ricerca a pagamento che lo rendono un trust, come le tv generaliste. Alla fine vi è un risultato che si osserva impietosamente. Ovvero che per alcuni, l’insopportabilità del presente si è tradotta nella fuga in riti dionisiaco-autodistruttivi. C’è un trend diffuso che coinvolge strati di giovani inutili al big system poiché non percepiti come consumatori in quanto l’assenza del lavoro produce spinte ad una visione della realtà fuori dalla portata della quotidianità reale. È in questa zona al limite del patologico che si alimenta il massimo della produzione di scorie della macchina sociale. Negli anni ’70 del Novecento sono nate le prime espressioni di secessione dal grande sabba della velocità. La nascita di neo-comunità per neo-devianti è la manifestazione di come un problema apparentemente insolubile o socialmente distruttivo non sia gestibile con efficacia da approcci pubblici semi-mercantili.
Un prete o un laico motivato in cerca di identità e impegno rappresentano spesso un quadro di riferimento per questo tipo di neo-strutture sociali. La dimensione di queste comunità ha creato diversi anticorpi proponendo entità-organismo e sospendendo la dinamica materiale e monetaria dei rapporti interpersonali, rimettendo l’uomo e i suoi bisogni più profondi al centro, creando percorsi o ristabilendo radici. Regole più simili a quelle di un mondo fatto di ordini secolari che a quello della fabbrica taylorista. Certo, tale processo non si può certo ritenere un esperimento sociologico da porre a premessa della creazione di un nuovo paradigma di città-villaggio. Tuttavia una simile consapevolezza dovrebbe permetterci di realizzare un modello alternativo ed efficace di risposta alla gabbia digitale, per il quale la dimensione neo-comunitaria del vivere dovrebbe rappresentare una sorta di secessione volontaria da un ritmo di frenesia, agonismo, che alcuni per il proprio profilo di personalità non hanno potuto abbracciare. E, questo, quale controbilanciamento ad un’epoca segnata dal mito della competizione dove la scelta di una nuova dimensione comunitaria dovrebbe essere pari al tempo vissuto. Una risposta necessaria per riprendere in mano il destino di noi stessi dal momento che la fine del pensiero unico, il dominio di un modello di realtà centrato sul profitto, ha spezzato nella coscienza delle élite intellettuali l’idea di una crescita diffusa e di un miglioramento materiale che accomuni libertà e risposte ai bisogni materiali.


  1. Modernità e lavoro
    Negli ultimi sei secoli la tecnologia ha concentrato in sé larga parte delle funzioni nervose, emozionali, emotive, fisiche dell’uomo. Ci consegna oggi un mondo che è il più prospero che la storia abbia mai conosciuto. ma è quello maggiormente antropizzato e entropizzato: un mondo caotico costituito da grandi aree di sviluppo e dove non mancano grandissime sacche di sottosviluppo, un’umanità in cui il 20% della popolazione consuma l’80% delle risorse. Un altro elemento importante in questo scorcio di inizio millennio si rifà all’idea stessa di modernità così come l’abbiamo ereditata da questo secolo breve che mostra elementi di profonda crisi. Quando nasce la modernità? La modernità nasce con due fenomeni: il concetto di sovranità degli Stati e quello della centralità del lavoro nella vita umana.
La società del lavoro si afferma con i Comuni, con la cultura dei mercanti, delle corporazioni: l’uomo viene ad essere individuato col lavoro che svolge, diventa quello che fa, diventa il suo lavoro. Nasce l’homo faber. Entrambi i fattori che abbiamo riconosciuto essere alla base della modernità sono messi con forza in crisi dalla globalizzazione e dalle nuove tecnologie, che abbattono le frontiere nazionali facendo circolare enormi risorse che scuotono alla radice l’idea stessa della sovranità degli Stati. Si rientra in questo modo nell’ecumene medievale. Al termine di questo secolo breve, gli uomini circolano come nel Medioevo in cui prevalgono le dimensioni del monetario e dell’informazione. La sovranità degli Stati è scossa così come la cultura del lavoro, non solo dalla competizione imposta dalla globalizzazione che costringe a misurarsi con altre società e con tecnologie nuovissime. Grazie all’introduzione delle nuove tecnologie il ciclo produttivo e l’accumulazione primaria di ricchezza potranno essere sostenuti da un numero di occupati pari al 10/15% della popolazione attiva. Emerge, così, un problema antropologico sul futuro dell’umanità di una società senza lavoro. Chiunque intenda pensare al futuro, deve misurarsi per rimettere l’uomo al centro di tutto nella logica di un umanesimo integrato, in quanto l’uomo da solo non va da nessuna parte.

Il processo di delocalizzazione del lavoro favorito dalla telematica è stato mitizzato sul piano degli effetti per l’uomo. Chi pensava che la delocalizzazione del lavoro e la telematizzazione delle funzioni sociali potessero servire a decentrare il lavoro ripetitivo ha fatto un utilizzo molto riduttivo delle possibilità e delle potenzialità del telelavoro. La progettazione intercetta dei trend in atto, utilizzando la tendenza naturale degli esseri umani a radicarsi in luoghi piacevoli perché sono luoghi che hanno un’anima. L’homo faber in crisi di identità si incontra con l’homo ludens che è in crescita, perché svolge attività creative, innovative e tenta di far coincidere otium et negotium.


…Concludendo

     Insomma, le nuove tecnologie rischiano di creare un’umanità costituita da uno strato superficiale di sacerdoti telematici che si attesta sul 10% della popolazione complessiva e che si stratifica sul un 90% di consumatori di televisione generalista, mezzi di trasformazione passivi e di rete interattiva globalizzata. In questa prospettiva, gli esseri umani ricostruiscono una dimensione neo-comunitaria che dà la garanzia di ricreare la stessa osmosi etica che c’era tra il villaggio locale e la vita degli ordini medievali. Il primo Medioevo fu caratterizzato da questa dicotomia tra villaggio e monastero, tra cui c’era una continua osmosi di risorse economiche e valoriali. L’uomo del III millennio, o del “nuovo” Medioevo, crea una dimensione in cui il villaggio globale riceve molto dagli ordini globali. Richiamare l’uomo al centro della sua dimensione orizzontale e verticale, forse, è un modo per rispondere agli stati di ansia e di preoccupazione che viaggiano nelle anime e nelle vite degli internauti quanto anche nelle loro “tasche”.

Articoli correlati

Calabrese per caso

Quando vorresti vede…

18-02-2022 Hits:415 Calabrese per caso Giuseppe Romeo

Ammetto il mio limite cinematografico. Non sono un cultore della produzione da grande schermo se non nei limiti di film o documentari che in qualche modo li posso ricondurre ai...

Leggi tutto

Fragilità

01-02-2022 Hits:349 Calabrese per caso Giuseppe Romeo

È evidente che tempi e luoghi hanno le loro armonie, come le disarmonie che bilanciano un quotidiano non sempre favorevole a chi - per ragioni di opportunità o per ingenerosità...

Leggi tutto

“La Sposa” e la …

01-02-2022 Hits:186 Calabrese per caso Giuseppe Romeo

Quando una fiction indigna… oppure no!   In un’epoca nella quale si riduce ogni valore ed ogni esperienza ad una visione sintetica e veloce della vita come il senso di appartenenza, rara...

Leggi tutto

Quando vorresti non …

16-01-2022 Hits:418 Calabrese per caso Giuseppe Romeo

Quante volte ci siamo fermati a pensare di non voler essere calabresi, stimolati da una notizia, da una frase o da luoghi comuni che ricorrono sempre, impietosi se non crudeli...

Leggi tutto

Befana con pochi don…

09-01-2022 Hits:360 Calabrese per caso Giuseppe Romeo

Epifania è una ricorrenza di doni, una celebrazione trasfigurata nel rito del regalo, della gratificazione di un desiderio o di una riconoscenza resa concreta da un pensiero condiviso tra chi...

Leggi tutto

Ritornare sui propri…

10-12-2021 Hits:546 Calabrese per caso Giuseppe Romeo

Chissà quante volte ci siamo fermati a guardare al nostro passato, alla storia di un quotidiano vissuto di cui spesso abbiamo ignorato i significati delle piccole esperienze che la vita...

Leggi tutto

Vuoti dell’anima o…

03-12-2021 Hits:283 Calabrese per caso Giuseppe Romeo

In un tempo lontano lontano, se volessimo utilizzare un incipit cinematografico d’effetto, c’erano paesi e sentieri, cespugli ridondanti che segnavano tratturi tra le campagne assolate d’estate.

Leggi tutto

Luci ed ombre di un …

03-12-2021 Hits:505 Calabrese per caso Giuseppe Romeo

Ci sono storie che segnano delle epoche, che affascinano per le loro avventure o per le descrizioni di luoghi epici, per paesaggi che avvolgono i protagonisti rendendoli parte di un...

Leggi tutto

La Calabria tra subc…

19-11-2021 Hits:674 Calabrese per caso Giuseppe Romeo

Non avrei mai creduto che una regione come la mia potesse un giorno avere nostalgie storiche tali da volersi attribuire anch’essa delle figure protagoniste della sua vicenda umana e politica...

Leggi tutto

Letti e ...riletti

Ethics of War and Pe…

21-04-2018 Hits:1523 Letti e ...riletti Mohammad Jafar Amir Mahallati

Mohammad Jafar Amir Mahallati. Ethics of War and Peace in Iran and Shi'i Islam. Toronto University Press, 2016 p. 336     Dopo secoli di lotte tra sciiti e sunniti culminate con la...

Leggi tutto

War and Empire: The …

21-04-2018 Hits:1719 Letti e ...riletti Paul L. Atwood

Paul L. Atwood. War and Empire: The American Way of Life. Pluto Press. New York. Prima edizione 2010. Ultima edizione in formato Kindle, 2015 p.270.     Perché recensire oggi un volume...

Leggi tutto

The End of Europe: D…

21-04-2018 Hits:1227 Letti e ...riletti James Kirchick

James Kirchick. The End of Europe: Dictators, Demagogues, and the Coming Dark Age. Yale University Press, 2017 p.276    Il saggio ha un titolo certamente non originale se ci si ferma...

Leggi tutto

Il mondo visto da Sud

Schegge impazzite (o…

16-11-2022 Hits:195 Il mondo in guerra Giuseppe Romeo

Ci sono massime che hanno trovato il loro successo perché troppo semplici, a volte quasi disarmanti per un’ovvietà intrinseca, ma non scontata per i più. Insomma, dire che una guerra...

Leggi tutto

Biden-Putin: sfida a…

17-07-2022 Hits:154 Stati Uniti, Russia e massimi sistemi Giuseppe Romeo

Nel nome del primo colpo, ultimo colpo Insomma, ancora una volta sembra che i tamburi di guerra rullino in Europa. Credevamo di aver costruito un continente migliore, pacifico, capace di negoziare...

Leggi tutto

L’Europa, la Nato…

04-07-2022 Hits:103 Stati Uniti, Russia e massimi sistemi Giuseppe Romeo

In una serie di versioni sulla sicurezza dell’Europa e sul ruolo degli Stati Uniti nel nuovo secolo - secondo analisti americani della Rand Corporation che bordeggiando dispensano consigli da decenni...

Leggi tutto

Agli Stati Uniti non…

19-05-2022 Hits:376 Stati Uniti, Russia e massimi sistemi Giuseppe Romeo

È difficile non guardare ad un conflitto che entra nelle nostre case e che lo percepiamo per la prima volta, nonostante ne abbiamo avuti altri nelle prossimità delle nostre porte...

Leggi tutto

Il prezzo geopolitic…

12-05-2022 Hits:294 Stati Uniti, Russia e massimi sistemi Giuseppe Romeo

Gli Stati Uniti, l'Europa e la crisi russo-ucraina Ci sono scommesse che a volte si vincono e a volte si perdono, così come vi sono azzardi che a volte pagano e...

Leggi tutto

Pasqua 2022. L’Occ…

16-04-2022 Hits:340 Stati Uniti, Russia e massimi sistemi Giuseppe Romeo

Ci sono degli aspetti, o dei particolari forse, che segnano momenti che, per quanto possano sembrare piccoli, sono significativi e non ammettono distrazione a chi usa metodi di analisi che...

Leggi tutto

Crisi russo-ucraina.

18-03-2022 Hits:266 Stati Uniti, Russia e massimi sistemi Giuseppe Romeo

L’Europa, la Nato, gli Usa: tra ipocrisie e approssimazioni politico-strategiche Molto spesso ricorrere all’incipit del era tutto già scritto può sembrare l’esercizio di una velleità, il canto tardivo di una Cassandra...

Leggi tutto

L’Ue e la crisi ru…

28-02-2022 Hits:214 Stati Uniti, Russia e massimi sistemi Giuseppe Romeo

Apprendisti e pericolosi stregoni A quanto pare non ci sono più finestre di Overton o algoritmi del potere da esplorare in un momento nel quale la politica europea di fronte alla...

Leggi tutto

La solitudine della …

27-02-2022 Hits:448 Stati Uniti, Russia e massimi sistemi Giuseppe Romeo

Il nuovo ordine passerà per Kiev   Quando nel 2008 decidemmo di scrivere un piccolo saggio sulla Russia credevamo di aver definito e messo in campo alcune osservazioni e idee che ci...

Leggi tutto

L'Italia dentro l'Italia

Carabinieri. Rifless…

12-02-2022 Hits:1963 Cronache italiane Giuseppe Romeo

Ogni idea, ogni riflessione che riguarda un’Istituzione che assume un valore pubblico per sua missione rappresenta un’opportunità, o come tale dovrebbe essere interpretata, per favorire processi di rinnovamento adeguando ai...

Leggi tutto

10 febbraio 1947 - 1…

10-02-2022 Hits:285 Cronache italiane Giuseppe Romeo

Uno Stato per il quale non eravamo tutti fratelli d’Italia Memorie, tra questa anche quella che va in scena oggi, rappresentano, affidandosi ad una legge che ne dispone il ricordo, un...

Leggi tutto

La Calabria cade dal…

04-02-2022 Hits:295 Riflessioni politicamente (s)corrette Giuseppe Romeo

Credevamo, pensavamo, ci illudevamo che con La Sposa e con le critiche, se non dopo veri e propri strali indirizzati verso la produzione, si limitassero storie, happening e satire goliardiche...

Leggi tutto

L’onore, il valore…

04-11-2021 Hits:353 Cronache italiane Giuseppe Romeo

Oggi si dovrebbe festeggiare il sacrificio dei soldati italiani, quelli del Nord e quelli del Sud. Soldati animati da ideali patriottici e contadini strappati dalle terre e dalle famiglie per...

Leggi tutto

La Costituzione non …

15-10-2021 Hits:743 Riflessioni politicamente (s)corrette Giuseppe Romeo

In questi giorni si è consumata una delle più singolari offese alla Carta Costituzionale con un ennesimo provvedimento di natura governativa messo in campo da un esecutivo che non è...

Leggi tutto

Liberi (forse) ma no…

09-10-2021 Hits:404 Riflessioni politicamente (s)corrette Giuseppe Romeo

L’ambiguità di una storia mai processata non è certo una garanzia di maturità per un popolo e per la nazione che lo identifica nella comunità internazionale. Anzi. L’ambiguità di una...

Leggi tutto

Se lo Stato persegue…

27-09-2021 Hits:417 Riflessioni politicamente (s)corrette Giuseppe Romeo

Ci sono momenti nei quali la storia mette a confronto letture diverse di esperienze di governo, di comportamenti e di interpretazioni del cosiddetto politicamente corretto che di corretto hanno poco...

Leggi tutto

Come muore, costituz…

24-07-2021 Hits:868 Riflessioni politicamente (s)corrette Giuseppe Romeo

Nel 2018 fu pubblicato un volume scritto da Steven Levitsky e Daniel Ziblatt dal titolo How Democracies Die, ovvero, Come muoiono le democrazie. Un titolo emblematico, seppur riferito alle esperienze...

Leggi tutto

Partite ad un giocat…

11-06-2021 Hits:745 Politica senza politica Giuseppe Romeo

Nella Introduzione al volume Stelle, strisce e tricolore del 1983 Leo Wollemborg, esordisce richiamando un suo articolo apparso sul Washington Post del novembre del 1959 nel quale indicava come e...

Leggi tutto

L'Italia fuori dall'Italia

Si vis pacem, arma v…

26-03-2022 Hits:534 L'italia in guerra Giuseppe Romeo

I conti con la storia e l’eterogenesi dei fini   In una conferenza stampa, così come rilanciato più o meno ovunque nell’impietosità dei device che portano le notizie anche al di fuori...

Leggi tutto

Ma l’Italia è nel…

12-01-2021 Hits:321 Politica estera in cerca d'autore Giuseppe Romeo

   Scriveva Fernand Braudel che il Mediterraneo rappresenta un continuum di diversità, un crocevia di rotte e di traiettorie culturali quasi unico nella storia dei popoli. Storie e culture costrette...

Leggi tutto

Cinitaly, l’Occide…

06-05-2020 Hits:883 Politica estera in cerca d'autore Giuseppe Romeo

Dietro la guerra al virus.    Ci sono diversi modi per affrontare un’analisi geopolitica. Si possono ragionevolmente mettere sul tavolo i rapporti di forza o quelli economici. Si può ricorrere ad...

Leggi tutto

Ombre russe e lanter…

02-08-2019 Hits:765 Politica estera in cerca d'autore Giuseppe Romeo

La politica insonne di un’Italia (e di un’Europa) senza ruolo né parte. https://www.vision-gt.eu/news/ombre-russe-e-lanterne-cinesi/ […] Quando tu vuoi vedere se, il giorno, alcuna spia è venuta in campo, fa' che ciascuno ne vadia...

Leggi tutto

L’Italia e il Medi…

02-08-2017 Hits:1438 Politica estera in cerca d'autore Giuseppe Romeo

L’Italia media potenza, l’Italia protagonista, il Mediterraneo è il nostro mare ecc…, leggendo i giornali di qualche anno fa o passando in rassegna diversi saggi di autorevoli analisti o esperti...

Leggi tutto

Migranti e politica …

08-07-2017 Hits:1307 Politica estera in cerca d'autore Giuseppe Romeo

Ci sono molti argomenti sui quali riflettere per cercare di trovare una ragionevole giustificazione a politiche condotte alla ricerca di un protagonismo che possa dare credibilità e dimostrare la serietà...

Leggi tutto

Italia. Speriamo che…

15-07-2015 Hits:2080 Politica estera in cerca d'autore Giuseppe Romeo

Non c’è giorno che non si rimetta in discussione la tenuta politica di questo singolare Paese. Non c’è un momento nella quotidianità giornalistica nel quale si allenti una volontà rivolta...

Leggi tutto

Tsipras, avanti (o i…

29-01-2015 Hits:2245 Politica estera in cerca d'autore Giuseppe Romeo

Le elezioni europee sono ormai lontane e così altrettanto lontana la visione romantica di chi riteneva di associare Tsipras ad una sinistra storica, ortodossa messa fuori gioco da un apparente...

Leggi tutto

Vecchia Europa. Nuov…

04-01-2015 Hits:5476 Politica estera in cerca d'autore Giuseppe Romeo

I giorni che precedono la fine dell’anno sono sempre molto intensi per chi cerca di predire il futuro guardando non solo alle dinamiche astrologiche, ma alle possibilità che qualcosa possa...

Leggi tutto

Ai confini del Sud

Se l’Antimafia div…

27-04-2017 Hits:1429 La legalità degli altri Giuseppe Romeo

Riflessioni (calabresi) a margine del libro di Francesco Forgione I Tragediatori. La fine dell’Antimafia e il crollo dei suoi miti. Leonardo Sciascia, circa i Professionisti dell’Antimafia, scriveva sulle pagine del...

Leggi tutto

Platì… non è un …

09-06-2016 Hits:2056 Calabria. Un luogo senza tempo e senza politica Giuseppe Romeo

Scrivere dopo aver visto come sono andate a finire le ultime consultazioni amministrative non è certo cosa agevole. Anzi, tutt’altro. E non perché ci si dovrebbe cimentare con l’analisi del...

Leggi tutto

Crescita e decrescit…

08-08-2015 Hits:2159 Una crescita mancata Giuseppe Romeo

Ogni anno, con una puntualità certamente che ha poco del’italiana virtù, il Rapporto Svimez approda sulle nostre coscienze meridionali e ci ricorda, ancora una volta, limiti e drammi di una...

Leggi tutto

Quando corridoi e po…

09-05-2015 Hits:2800 Calabria. Un luogo senza tempo e senza politica Giuseppe Romeo

La diversità culturale e politica che contraddistingue il Mezzogiorno e, con esso, la Calabria ha una sua ragion d’essere in una storia vissuta a metà. Non vissuta pienamente da un...

Leggi tutto

Servizi pubblici, pi…

29-09-2013 Hits:2415 Una crescita mancata Giuseppe Romeo

Una questione di pari dignità per un’immagine di crescita Realizzare nuove opere è sempre sinonimo di crescita e di adeguamento dei luoghi e dei servizi ad esigenze che richiedono attenzione e...

Leggi tutto

Ai confini del Sud

28-12-2010 Hits:3375 Una crescita mancata Giuseppe Romeo

Siamo arrivati al capolinea del 2010. Si chiude un anno che si è caratterizzato per poca serenità, poca chiarezza di idee e molta confusione. Un anno dove l’assenza di strategie...

Leggi tutto

La legalità di tutt…

16-09-2010 Hits:2843 La legalità degli altri Giuseppe Romeo

Leggendo i quotidiani di questi ultimi giorni, guardando a ciò che accade anche oltr’Alpe (Urgence sociales, outrance sécuritaire - Le Monde Diplomatique, septembre 2010), ovvero in Francia, sembra che vi...

Leggi tutto

Il costo per il Sud …

27-07-2010 Hits:4054 Una crescita mancata Giuseppe Romeo

Pochi mesi ancora ai centocinquant’anni dell’Unità nazionale. L’Italia ricorderà il suo Risorgimento, le epiche gesta di noti eroi ma non ricorderà i meno noti, le popolazioni, soprattutto quelle del Sud...

Leggi tutto

Borsellino: eredità…

12-07-2010 Hits:2226 La legalità degli altri Giuseppe Romeo

Un ricordo come un anniversario di una scomparsa, di un lutto, definisce uno stato d'animo particolare che coinvolge chi ne ha condiviso i sentimenti, le angosce e il dolore. Ricordarsi...

Leggi tutto

Gioventù, Fede e Giustizia

Terra in cambio di p…

18-05-2015 Hits:3588 Il Vaticano e il "nuovo" mondo Giuseppe Romeo

Muoversi con l’agire sul diplomaticamente corretto molto spesso si rischia di dirigere l’opinione su valutazioni politiche che non sono trascurabili e che possono lasciare il campo ad interpretazioni altrui non...

Leggi tutto

L'altra legalità. I…

24-04-2015 Hits:1742 Giustizia ingiusta Giuseppe Romeo

C’è un passo del vangelo di Luca (11,5-13) che recita in questo modo:[…] Quale padre tra di voi, se il figlio gli chiede un pane, gli darà una pietra? O...

Leggi tutto

Giustizia. Riforme m…

16-02-2015 Hits:2404 Giustizia ingiusta Giuseppe Romeo

Nel nostro Paese ci sono tre momenti critici che riguardano la giustizia penale. Il primo è un problema di modello. Il secondo è il ricorso alla custodia cautelare, in termini...

Leggi tutto

Quale Giustizia?

15-03-2011 Hits:2787 Giustizia ingiusta Giuseppe Romeo

 Sulla riforma della giustizia si legge molto in questi ultimi giorni. I commenti e le analisi si dividono tra consunte polemiche di palazzo e scambi di accuse. Molto di tutto...

Leggi tutto

A proposito di adozi…

15-02-2011 Hits:6291 Il Vaticano e il "nuovo" mondo Giuseppe Romeo

14 febbraio 2011. La Corte di Cassazione, nel sottolineare che non vi è nulla in contrario e che ciò è in linea con i contenuti e le previsioni della Convenzione...

Leggi tutto

Giustizia. Le vere r…

19-10-2009 Hits:3473 Giustizia ingiusta Giuseppe Romeo

La riforma della giustizia si pone sempre di più come una sorta di emergenza a tempo. Una cura che prescritta dopo un’urgente diagnosi di un male cronicizzatosi sulle sorti di...

Leggi tutto

Democrazia e process…

20-08-2009 Hits:2002 Giustizia ingiusta Giuseppe Romeo

Parlare di democrazia e processo o, meglio, di democrazia e giurisdizione in un quadro complessivo della funzione politica del diritto non è un argomento agevole per due ordini di motivi...

Leggi tutto

Chiesa, Stato e soci…

30-03-2009 Hits:5791 Il Vaticano e il "nuovo" mondo Giuseppe Romeo

Il caso di Eluana Englaro, per ben 17 anni in stato vegetativo a seguito di incidente stradale, e la richiesta della famiglia di interrompere l’alimentazione forzata ritenendolo un accanimento terapeutico...

Leggi tutto

Giustizia. Equilibri…

29-12-2008 Hits:739 Giustizia ingiusta Giuseppe Romeo

La riforma della giustizia, o, meglio, dell’ordinamento giudiziario, è nuovamente padrona delle prime pagine dei giornali e della vita politica del Paese. E’, ancora una volta, l’argomento che coinvolge maggioranza...

Leggi tutto

© 2006-2022 Giuseppe Romeo
È consentito il download degli articoli e contenuti del sito a condizione che ne sia indicata la fonte e data comunicazione all’autore.
Gli articoli relativi a contributi pubblicati su riviste si intendono riprodotti dopo quindici giorni dall’uscita.

We use cookies

Utilizziamo i cookie sul nostro sito Web. Alcuni di essi sono essenziali per il funzionamento del sito, mentre altri ci aiutano a migliorare questo sito e l'esperienza dell'utente (cookie di tracciamento). Puoi decidere tu stesso se consentire o meno i cookie. Ti preghiamo di notare che se li rifiuti, potresti non essere in grado di utilizzare tutte le funzionalità del sito.