Riflessioni per l’Italia

Riflessioni per l’Italia Spesso nella vita delle nazioni e dei popoli vi sono momenti che ci costringono a guardare con occhi diversi alla nostra piccola storia e a reinterpretare con sentimenti meno pervasi da certezze la grande storia, quella del Paese. Tuttavia, sono proprio le emergenze, quell’imprevisto che mette in discussione ogni nostra sicurezza o rendita ritenuta acquisita forse per abitudine che ci ricorda che non ci sono valori universali e conquiste di diritti senza una continua, costante, difesa di quanto ci ha distinto nel tempo.
 
In questo l’Italia di certo ha dimenticato cosa è stata, pur con mille difficoltà, cosa sarebbe dovuta essere e cosa non è divenuta rischiando di arretrare ogni giorno per colpa di un malinteso senso della politica o, meglio, di una politica espressa in mala fede e rivolta solo a aumentare prestigi effimeri di chi ne ha fatto un affare ai danni dei cittadini, di ogni classe e di ogni orientamento.
 
Ricostruire il Paese significa definire un modello nuovo di nazione che riprenda in mano le redini di un’economia produttiva che rimetta in moto le piccole imprese alle quali non solo va data fiducia, ma resa giustizia.
 
Imprese cui andranno supportati gli sforzi con un accesso ad una tecnologia non semplificatrice ma di scopo, oltre che attraverso misure finanziarie che vedono nella “concreta” defiscalizzazione degli utili reinvestiti e nella flessibilità del lavoro, a occupazione data e investendo in formazione progressiva e salariata, le ricette più semplici ma più immediate per favorirne il rilancio e la competitività in settori dove l’Italia emerge: quei prodotti di nicchia ad alto valore aggiunto che nessuno sforzo tecnologico di omologazione del know how potrà mai sostituire.
 
Piccole e medie imprese messe in rete e con un mercato del lavoro flessibile, ma garantito nella collocazione dei prodotti, costituirebbero quel tessuto connettivo diffuso che nessuna grande industria potrebbe offrire. A questo si aggiungerebbe la sfida di un’offerta turistica multistagione, realizzata nella capacità di mettere le regioni all’interno di progetti di una politica turistica che faccia della diversità dell’offerta il suo carattere distintivo attraendo a se domande diverse di ospitalità e di attività ludico-culturali che coinvolgano tutto lo spettro dell’ospitalità italiana.
 
In un’economia sempre più interdipendente e che non lascia spazi a immunità di rendita e di accesso ai servizi la pace fiscale, infatti, diventa pace sociale. Ma non solo. Al di là delle posizioni di difesa o meno dell’euro, la necessità di rilanciare l’Italia in Europa risiede nella volontà di ridurre la morsa degli interessi a debito con un concordato tra Ue e Italia, condizionato alla permanenza dell’Italia stessa nell’aggregazione continentale. Una condizione che sarebbe dimostrazione di buona volontà ma, anche, decisione nel voler rinegoziare un controvalore euro/lira per ottenere, a redditi dati, un aumento del potere di acquisto dei salari e degli stipendi degli italiani. Una condizionalità che non sarebbe velleitaria per un Paese che si è posto tra i primi nel credere alla scommessa continentale e che non può retrocedere ad essere una semplice comparsa o uno spazio di solo consumo.
 
Ogni possibile crescita futura dovrà contare su uno spirito solidaristico e cooperativo che faccia della difesa della identità non una barriera ma un valore condiviso, inclusivo nel rispetto di ciò che ci contraddistingue e nella volontà di chi decide di essere italiano di condividerne principi e stili di vita nel rispetto della cultura di cui questi possa essere portatore. Uno spirito solidaristico realizzato partendo da una pace fiscale tra Stato e contribuenti, tra pubblico e privato.
Rilanciare l’Italia significa dare spazio al merito, collocare la dialettica politica all’interno di un quadro di servizio e non di potere. Si tratta di ridefinire termini e modi per aiutare i più deboli e non favorire i più furbi. Aprire la carriera alle professioni legali in magistratura e chiudere ogni casta nelle Istituzioni dello Stato.
 
Significa disporre di una sanità etica e solidale. Significa restituire all’Istruzione in tutte le sue forme quel ruolo di fondamentale presidio di libertà e di libero confronto eliminando ogni pregiudizio sui quali si è costruita un ambiguo ideale di nazione.
 
Significa realizzare una solida politica interna, una equilibrata e equipartecipativa politica economica e fiscale e una politica estera più assertiva per essere attori sia in una nuova comunità euroatlantica che nel Mediterraneo. Significa far sì che l’Italia diventi, finalmente, ciò che non è mai stata sino ad oggi: protagonista in un mondo che cambia e riferimento per i popoli a noi prossimi!

We use cookies

Utilizziamo i cookie sul nostro sito Web. Alcuni di essi sono essenziali per il funzionamento del sito, mentre altri ci aiutano a migliorare questo sito e l'esperienza dell'utente (cookie di tracciamento). Puoi decidere tu stesso se consentire o meno i cookie. Ti preghiamo di notare che se li rifiuti, potresti non essere in grado di utilizzare tutte le funzionalità del sito.


È consentito il download degli articoli e contenuti del sito a condizione che ne sia indicata la fonte e data comunicazione all’autore.
Gli articoli relativi a contributi pubblicati su riviste si intendono riprodotti dopo quindici giorni dall’uscita.